Ultimi aggiornamenti sul nuovo coronavirus

Trova risposte e ricevi consigli

Pensate di essere infetti e non sapete come dovete comportarvi? Compilando il questionario, riceverete direttamente un consiglio su come è opportuno procedere nella vostra situazione specifica secondo le direttive dell’Ufficio federale della salute pubblica.

Ecco come possiamo aiutarvi

Infoline
Per conto dell’Ufficio federale della salute pubblica mettiamo a disposizione un’Infoline ufficiale della Confederazione dedicata al coronavirus al numero

+41 58 463 00 00 (tutti i giorni dalle ore 6:00 alle 23:00)

Consulenza medica e trattamento
Se siete malati e necessitate di un trattamento medico, i nostri medici sono a vostra completa disposizione 24 ore su 24. Tramite La Medgate App è possibile richiedere una consultazione per telefono o videochat.

Risposte alle domande frequenti

Quali sono i sintomi che si presentano quando si è infettati dal nuovo coronavirus?

I sintomi sono molto variabili e non specifici. Possono manifestarsi i seguenti sintomi:

  • Tosse (per lo più secca)
  • Mal di gola
  • Respiro corto
  • Febbre, sensazione febbrile
  • Dolori muscolari
  • Perdita dell'olfatto e/o del gusto
Raramente:
  • Mal di testa
  • Sintomi gastrointestinali
  • Raffreddore
  • Congiuntivite
I sintomi possono essere di varia gravità. Sono possibili anche complicazioni come la polmonite. Per la maggior parte delle persone la malattia è lieve. Tuttavia, soprattutto le persone di età superiore ai 65 anni o le persone con una malattia precedente, possono ammalarsi gravemente.

Come viene trasmesso il nuovo coronavirus?

  • Attraverso un contatto stretto e prolungato: meno di due metri di distanza da una per-sona malata per più di 15 minuti.
  • Attraverso goccioline: tossendo o starnutendo i virus di una persona infetta possono fi-nire direttamente sulle mucose del naso e della bocca e sugli occhi di un’altra persona.
  • Attraverso le mani: goccioline infettive emesse tossendo e starnutendo possono finire sulle mani. Oppure si possono toccare superfici cariche di virus. Da lì, sempre toccandosi con le mani, i virus possono finire sulla bocca, sul naso o sugli occhi.

Come può proteggere sé stesso e gli altri dall'infezione con il nuovo coronavirus?

  • Lavi accuratamente le mani con acqua e sapone più volte al giorno o utilizzi un disinfettante per le mani.
  • Se deve tossire o starnutire, tenga un fazzoletto davanti alla bocca e al naso. Lo butti in un cestino e si lavi le mani.
  • Se non ha un fazzoletto, tossisca e starnutisca nell'incavo del braccio.
  • Non stringa la mano.
  • Se possibile, eviti il contatto con persone con difficoltà respiratorie o con la tosse.
  • Mantenere una distanza sufficiente (almeno 2 metri) da altre persone - per esempio in coda, sui mezzi pubblici o durante le riunioni.
  • Rimanga a casa se avverte sintomi come difficoltà respiratorie, tosse e febbre.
  • Si rechi in uno studio medico o in un reparto di emergenza solo dopo aver preso un appuntamento telefonico.

Chi è particolarmente a rischio?

Sono particolarmente a rischio le persone di età superiore ai 65 anni, le persone fortemente obese (IMC di 40 kg/m2 o più) e quelle che hanno una di queste condizioni preesistenti:

  • Alta pressione sanguigna
  • Malattie respiratorie croniche
  • Diabete
  • Malattie cardiovascolari
  • Malattie e terapie che indeboliscono il sistema immunitario
  • Cancro

Cosa è consigliato per le persone particolarmente vulnerabili?

Le persone particolarmente a rischio possono uscire di casa se le regole di igiene e di comportamento vengono rigorosamente rispettate. Tuttavia, si consiglia di evitare i luoghi con un numero elevato di persone e le ore di punta.

Se possibile, le persone particolarmente vulnerabili dovrebbero evitare di fare la spesa: Sono preferibili gli acquisti online e gli ordini tramite amici, conoscenti, vicini di casa o familiari.

Le donne incinte sono particolarmente a rischio?

Attualmente non vi sono prove che le donne incinte sane abbiano un rischio maggiore di malattie gravi. Tuttavia, in caso di gravidanza, è necessario proteggersi dall'infezione con il nuovo coronavirus, se possibile. Questo perché una malattia acuta - soprattutto tosse e febbre - può influenzare il corso della gravidanza. È quindi necessario seguire sempre le regole di igiene e di comportamento.

Se si verificano sintomi che indicano un'infezione da coronavirus, chiamare il ginecologo o l'ostetrica.

Cosa si deve fare se si soffre di sintomi di una malattia respiratoria acuta?

Se si soffre di sintomi di una malattia respiratoria acuta (tosse, mal di gola, respiro affannoso) con o senza febbre, sensazione febbrile, dolori muscolari o improvvisa perdita dell'olfatto o del gusto, è necessario eseguire il test per il coronavirus. Per farlo, contattate l'ufficio competente del vostro Cantone.

Se il decorso della malattia è lieve, non sono necessarie ulteriori visite mediche o ospedaliere. In questo caso, dovreste essere curati a casa. Se sono trascorsi almeno 10 giorni dall'insorgenza dei sintomi, è possibile uscire di nuovo da casa 48 ore dopo che i sintomi si sono attenuati.

Se siete gravemente ammalati, contattate un medico o un istituto sanitario per telefono.

Cosa si deve fare se si è entrati in contatto con qualcuno che è noto per essere infetto da coronavirus?

Se vivete nella stessa casa di una persona con il virus corona o se avete avuto un contatto intimo con una persona con il coronavirus mentre stava manifestando i sintomi o nelle 24 ore precedenti l'inizio dei sintomi, dovete essere messi in quarantena.

Perché le regole di igiene e di comportamento sono così importanti?

Il coronavirus è un nuovo virus contro il quale l'uomo non ha ancora una difesa immunitaria. Può portare a molte infezioni e malattie. Dobbiamo quindi rallentare il più possibile la diffusione del nuovo virus corona.

In particolare, dobbiamo proteggere le persone che sono a più alto rischio di ammalarsi gravemente. Si tratta delle persone dall’età oltre i 65 anni e di quelle con una condizione preesistente come l'ipertensione arteriosa, il diabete, malattie cardiovascolari, malattie respiratorie croniche, cancro o malattie e terapie che indeboliscono il sistema immunitario.

Se tutti noi giochiamo secondo le regole, possiamo anche proteggere meglio queste persone. Così facendo, contribuiamo anche a garantire che le persone affette da gravi malattie continuino ad essere ben curate nelle strutture sanitarie. Gli ambulatori e i respiratori dei reparti di cure intense sono infatti limitati.

Vantaggi della telemedicina

Nella situazione attuale, la telemedicina contribuisce in modo considerevole a garantire assistenza medica.

  • I nostri medici vi offrono cure mediche tramite telefono o videochat direttamente a casa vostra.
  • Il pericolo di contagio nelle sale di attesa e durante il tragitto viene così ridotto.
  • Si limitano le visite in studio e il carico di lavoro della sanità pubblica viene alleggerito.